Il Frutto

Il marrone, a differenza della più comune castagna, ha una forma oblunga con un lato piatto e uno convesso. Presenta una buccia esterna lucida di colore rossiccio (chiamata pericarpo) e il frutto viene ulteriormente protetto da un’altra pellicola di color camoscio (episperma). La polpa è consistente e le 2 pellicole possono essere asportate con estrema facilità senza rovinare il frutto. Ha un gusto più dolce e profumato e una dimensione maggiore, meno di 90 frutti sono sufficienti per 1 kg. di prodotto, ed un riccio ne racchiude, al massimo, 2 o 3. E’ un alimento completo, molto nutriente e facilmente digeribile a tutte le età, ricco di sali minerali, soprattutto potassio, ferro, fosforo, magnesio, calcio, vitamina C e vitamine del gruppo B.

La particolarità del marrone è che la maturazione viene stabilita dalla pianta stessa, che, dischiudendo il riccio, lo lascia cadere e solo in quel momento è pronto per essere raccolto. Il periodo di raccolta è variabile in quanto un’estate calda e soleggiata permette la raccolta stessa tra la fine di settembre e i primi di ottobre, mentre un’estate umida e piovosa la posticipa ad ottobre.

Causa la notevole pendenza e le caratteristiche del terreno delle selve, la raccolta avviene, ancora oggi, manualmente cosicchè il frutto non viene danneggiato in alcun modo. Prima di arrivare sul mercato viene suddiviso per dimensione in modo che sia il più omogeneo possibile al momento dell’utilizzo. In questo modo l’intero processo di filiera non subisce interferenze, garantendo la rintracciabilità del prodotto.

Per tutelare questo prodotto, che costituisce un vero patrimonio gastronomico, i castanicoltori di Castel del Rio, nel 1985, si sono riuniti in un Consorzio    e successivamente hanno ottenuto il riconoscimento di IGP    Indicazione Geografica Protetta, per le speciali caratteristiche organolettiche dei marroni.

 

Come Si Conservano

per alcune settimane: in frigorifero nello scomparto per la frutta
per una conservazione a lungo termine: è consigliato il congelamento, previa incisione se si desidera consumare il frutto come caldarrosta.


Come Si Gustano

Cotti al forno

  • Fare un’incisione con un coltello appuntito nella parte convessa del marrone.
  • Metterli nel forno a 170° per circa 30-40 minuti.
  • Sfornarli e avvolgerli in un canovaccio, premendo leggermente, in modo da fare staccare la buccia.

Caldarroste

  • Fare un’incisione con un coltello appuntito nella parte convessa del marrone.
  • Metterli nella “padella bucata” e farli cuocere sulle braci facendo attenzione che il calore non sia eccessivo.
  • A cottura ultimata toglierli dal fuoco e avvolgerli in un canovaccio, premendo leggermente, in modo da fare staccare la buccia.